domenica 24 dicembre 2017

I film da vedere durante le Feste... per chi non ha paura

Natale da brividi 
con sette film horror
da non perdere per nessun motivo al mondo

Immaginatevi a casa, durante il pranzo di Natale. Ci siete voi, i familiari, i parenti che arrivano da lontano. Siede tutti seduti attorno a un tavolo, con la tovaglia rossa, imbandito di pane, frutta secca, vini, secondi gustosi e primi succulenti. Sotto l’albero ci sono i doni piccoli, grossi, fragili, duri, morbidi impacchettati con le più svariate carte regalo. Il camino è accesso e i bambini sono fuori che si stanno tirando le palle di neve mentre gli uomini della famiglia sistemano le ultime decorazioni. Ecco immaginate tutto questo.  All’improvviso entra un Babbo Natale, ha un’ascia insanguinata in mano, gli occhi furiosi, le mani sporche di sangue, grida frasi senza senso, inizia ad uccidere il gatto decapitandolo, gli schizzi di sangue sporcano i muri a questo punto Babbo Natale taglia un braccio alla nonna che sviene per lo spavento, Babbo Natale si sposta distrugge i cuscini presenti nel salone, grida furibondo, dal sacco prende una motosega frantuma la credenza si sente il rumore assordante dei piatti che si rompono uno ad uno. Ecco immaginate anche tutto questo. Come vi sentireste? Avreste i brividi per la paura? Questo sicuramente nella realtà non succederà ma, probabilmente, proverete timore e inquietudini anche guardando questi meravigliosi film horror ambientati tutti in un contesto natalizio, in cui Babbo Natale assassino esiste davvero. 


Silent Night (anno 2012) è un film horror girato da Steven C. Miller. Il film è ambientato durante la vigilia di Natale, in un piccolo paese del Midwest negli Stati Uniti. La gente è terrorizzata: un misterioso assassino travestito da Babbo Natale, entra nelle case per uccidere. Ammazza tutti quelli che secondo lui sono colpevoli: un prete, un marito infedele, un gestore di siti porno, una bambina prepotente, il sindaco della cittadina. Il vice sceriffo Aubrey Bradimore a capo dell’indagine lavora incessantemente per catturarlo, ma l’impegno non sembra produrre i risultati sperati. I colpi di scena sul finale sembrano essere infiniti: nulla è ciò che sembra e tutto è quello che non è. Riuscirà Aubrey a trovare l’assassino? Oppure la sua vendetta sarà inarrestabile? Il protagonista di ‘’Silent Night’’ è Donal Francis Logue, famoso attore canadese, che tra gli altri film ha recitato nel campione di incassi ‘’Se mi lasci ti sposo’’ nel ruolo di Brain. Invece, il giovane regista (36 anni) Steven C. Miller è statunitense e dopo aver debuttato con un film a basso costo, firma più di 10 lavori cinematografici tra ‘’I Predoni’’ e ‘’First Kill’’, i suoi film sono tutti horror o thriller. Successivamente sono stati realizzati numerosi sequel di ‘’Silent Night’’, che, purtroppo, non sono ancora editi in Italia. 


Trasporto eccezionale - Un racconto di Natale (anno 2010) è un film horror girato da Jalmari Helander. Il film, ispirato dai miti precristiani su Babbo Natale, descrive un minuscolo villaggio finlandese che, ultimamente è il luogo di strani accadimenti: scompaiono forni, vengono uccise renne, spariscono operai, non si trovano bambini. Il giovane Pietari accompagnato dal padre Rauno e un gruppo di cacciatori cominciano ad indagare. Il piccolo crede che nella montagna sia stato rinvenuto Babbo Natale dagli scavatori svaniti nel nulla. Babbo Natale è gigantesco, feroce, demoniaco, cannibale, inabissato sotto il ghiaccio dai popoli Sami che sono riusciti a sconfiggerlo secoli prima. Ovviamente come ogni ‘’Babbo Natale’’ è aiutato da Elfi. Essi, però, non sono simpatici personaggi che portano doni, ma orribili mostri che rapiscono i fanciulli del villaggio per nutrire il Babbo malvagio. Il protagonista, quindi, con astuzia riesce a intrappolare tutti gli elfi, salvando i bambini rapiti. Riusciranno, quindi, a prendere anche l’orribile mostro? E la fine dei mostriciattoli sequestrati quale sarà? ‘’Trasporto eccezionale - Un racconto di Natale’’ vede come attore principale il giovanissimo Onni Tommila classe 1999. Onni, nonostante la giovane età, vanta la comparsa in più di tre film. Mentre il regista è Jalmari Helander finlandese, noto per aver realizzato svariati film tra cui il recente ‘’Big Game - Caccia al Presidente’’. 

Un Natale rosso sangue (anno 1974) è anch’essa una pellicola horror firmata da Bob Clark. 
Il film, considerato un capolavoro del genere, è costato circa 686.000 dollari canadesi. Durante le prime scene un uomo sale all’attico di un convitto femminile: è il giorno di Natale. A questo punto una convittrice Claire Harrison, dopo le telefonate oscene di uno sconosciuto ricevute dall’amica, decide di scappare: viene uccisa da un assassino misterioso. Il padre arriva in collegio non trovando Claire si dirige a denunciarne la scomparsa, il sergente di turno, però, inizialmente lo ignora. Nel frattempo sparisce un’altra ragazza: Janice. L’intero paese le cerca: la sorvegliante del convitto viene uccisa. Le telefonate oscene alle convittrici continuano. Barb, un’altra convittrice, viene è ammazzata. Saranno ritrovate le ragazze? Vive o morte? E chi è l’assassino di tutti questi omicidi? La protagonista de ‘’Un Natale rosso sangue’’ è Olivia Hussey attrice britannica in circa 50 film tra cui ‘’Gesù di Nazareth’’ e ‘’ Romeo e Giulietta’’ di Zeffirelli, ‘’Assassinio sul Nilo’’ e ‘’Psycho IV’’. In regia, invece, c’è Bob Clark produttore e regista statunitense decedo nel 2007 che ha realizzato diverse opere tra le quali ‘’Colpo di scena’’, ‘’Nick lo scatenato’’ con Sylvester Stallone e Porky's - Questi pazzi pazzi porcelloni! Bob sa spaziare dalla commedia all’horror con disinvoltura e capacità.  


Non aprite prima di Natale (anno 1984) è un film di Edmund Purdom.  L’ambientazione della pellicola è durante il periodo dell’Avvento: un giovane a cui Babbo Natale suscita i ricordi drammatici del passato semina il panico tra le strade della città: uccide molte persone. I delitti vengono rappresentati in maniera molto violenta e sanguinosa, per questo motivo esso è il film più cruento tra quelli citati. Dopo una serie di diaboliche uccisioni riuscirà Scotland Yard a arrestare il diavolo? Il regista Edmund Purdom è un attore britannico molto attivo anche in Italia, infatti, proprio a Roma è morto nel 2009. Purdom ha recitato in più di 60 film, diretti tra gli altri da famosi registi italiani come Fernando Di Leo, Neri Parenti e Pupi Avati. Il protagonista è lo stesso cineasta Edmund. Un minuto a mezzanotte è un thriller di René Manzor. Il protagonista è Thomas de Fremot, bambino prodigio di nove anni, orfano, infatti, vive con mamma e nonno. Thomas crede a Babbo Natale, per questo i coetanei si prendono gioco di lui. Così, il piccolo genio, la notte di Natale, decide di montare un sistema altamente specializzato di telecamere per riprendere il Babbo e dimostrare finalmente agli amici che davvero esiste. Purtroppo, però, arriva dal camino un folle omicida. 
Il bambino è costretto a lottare da solo con lo psicopatico per salvare la sua famiglia. Riuscirà Thomas in questa impresa? Oppure il male vincerà ancora una volta sul bene? 
La regia è firmata da René Manzor regista e scrittore francese, attivo nella televisione nazionale e americana oltreché nella produzione di cortometraggi e lungometraggi.  L’attore protagonista, invece, è René Manzor, che vede proprio nel ‘’Un minuto a mezzanotte’’ il suo esordio. 

Krampus -Natale non è sempre Natale è un film di genere horror e fantastico. Ambientato tre giorni prima di Natale: al centro una semplice famiglia di periferia che si riunisce in occasione delle feste natalizie. Compaiono, quindi, Tom, Sarah, i loro figli Beth e Max; Linda (sorella di Sarah), suo marito Howard assieme con i ragazzi Stevie, Jordan, Howie Junior, Dorothy, la zia di Sarah e Linda, e, infine, completa quello che pare già essere un popoloso ‘’quadretto familiare di Natale Omi’’, la nonna di Max. Proprio quest’ultimo vorrebbe seguire diligentemente le tradizioni natalizie mentre il resto della famiglia sembra averle perse: scoppia la lite, inizia una tempesta di neve, si crea un black-out. Beth decide di uscire fuori per andare dal fidanzato: è inseguita, si nasconde. Tom e Howard partono alla ricerca della ragazza, arrivano a casa del compagno: l’abitazione è devastata, sul pavimento ci sono enormi impronte di capra. Un biscotto vivente cattura Howie, alcuni giocattoli vengono mandati in frantumi, Tom, Sarah e Linda sono inghiotti da un mostro, Stevie è trascinato nell’inferno: la famiglia è terrorizzata. Krampus è arrivato. Chi sarà Krampus? Chi compie queste azioni diaboliche? Le riprese sono di Michael Dougherty regista, fumettista, sceneggiatore e produttore americano. Michael ha realizzato circa 15 film. 
Da Krampus -Natale non è sempre Natale è stata anche tratta l’omonimo fumetto. Tra gli attori protagonisti è certamente da citare Emjay Anthony classe 2003. Candidato allo Young Artist Award come miglior giovane attore protagonista ha partecipato in più di 10 film tra i quali ‘’E’ complicato’’, ‘’Chef - La ricetta perfetta’’. Inoltre, l’enfants prodige ha doppiato ‘’Il libro della giungla’’. 

Natale di sangue (anno 1984) è un film drammatico e horror, criticato all’uscita nelle sale, a differenza di altre proiezioni, dai genitori perché non tolleravano che Babbo Natale potesse essere un pluriomicida. Il protagonista è Billy Chapman, bambino ossessionato dal carattere punitivo del Babbo da tutti reputato buono. Alla Vigilia un folle travestito proprio da Babbo Natale uccide i suoi genitori. Così Billy è portato in orfanotrofio con il fratello piccolo, gestito da una sadica Madre Superiore. Il bambino, nel frattempo, diventa adulto, lavora in un negozio di giocattoli. Una serie di coincidenze decidono che sia lui, quell’anno, a interpretare Babbo Natale per i giovani acquirenti, un giovane collega, intanto, violenta la sua amata fidanzata. Billy uccide, quindi, prima il violentatore, poi, la stessa ragazza perché inorridita dell’omicidio, e ancora una coppia di ragazzi, un poliziotto, l’ormai anziana Madre Superiora che, però, non viene accoltellata ma solo sfigurata. 
Il finale del film davvero spettacolare, riuscirà Billy a uccidere altre persone? Il suo folle impeto omicida verrà placato? 
La regia di ‘’Natale di sangue’’ è di Charles Sellier produttore, regista e scrittore deceduto nel 2011. I suoi numerosi film, circa una ottantina, sono molto apprezzati negli Stati Uniti così come i suoi libri. L’attore protagonista, invece, nella realtà si chiama Robert Brian Wilson attore cinquantacinquenne americano che appare spesso nei film del genere horror. La pellicola è ricca di scene molto violente e cruente, quindi, chi è appassionato di queste tematiche sarà sicuramente appagato. 
Il sequel difficilmente reperibile in Italia si intitola Silent Night, Deadly Night 2 (anno 1987). Nella prima parte del film c’è un lungo flashback in cui Billy ormai defunto è il protagonista. Nella seconda fase, invece, si lascia la scena al fratello piccolo che vuole vendicare Billy e per questo è internato in un manicomio criminale. Il suo psicanalista lo convince a  confessare i suoi crimini ma Ricky ha ben altri piani. Riuscirà il fratellino a compiere i suoi progetti omicidi? La regia questa volta è di Lee Harry che ha firmato nella sua carriera un numero modesto di pellicole.  Mentre l’attore che interpreta Ricky è Eric Freeman attore mediamente noto nel continente americano, che vede comparire la sua figura in solo tre film, ma nonostante ciò  la sua bravura è insindacabile.

Buon Natale da brividi, 
Lucrezia Romussi